Your shopping cart is empty!

Ernesto Valverde non ha superato la prima conferenza stampa a Ba

BARCELONA - Ernesto Valverde è stato presentato il manager di Barcellona giovedì dopo essere stato confermato come successore di Luis Enrique all'inizio della settimana. L'ex coach di Athletic Bilbao è apparso sulla mattinata del Camp Nou al fianco del presidente Josep Maria Bartomeu per una sessione fotografica, prima di trasferirsi agli Auditori 1899 accanto allo stadio di Barca per rispondere alla richiesta dei media. Trentadue questioni dopo, se ne andò. Ma quali erano i sentimenti iniziali?
 
PRIMA IMPRESSIONE
 
Valverde ha un atto duro da seguire. Non solo in termini di Luis Enrique - che ha diviso parere nonostante consegnano nove trofei fuori da un possibile 13 - ma in termini di enorme successo di successo, Barca ha già vinto la Champions League nel 2006 sotto Frank Rijkaard. Vincere è diventato obbligatorio per il Blaugrana e che è ora la realtà di Valverde.
 
L'appuntamento di 53 anni non è stato effettivamente conquistato un grande fanfare. Mentre firma sempre più i grandi giocatori, Barcellona preferisce nominare allenatori che conoscono il club. Nel caso di Valverde, la sua storia con Barcellona è leggermente tenue (due anni giocando sotto Johan Cruyff quasi 30 anni fa), ma la sua esperienza e le conoscenze che ha sviluppato come allenatore significa che non è una scelta piuttosto impopolare.
 
Rilassato e fiducioso, era gentile e rispettoso durante la sua presentazione. Le vere domande verranno quando la preseason inizia, ma ha ottenuto ad un soddisfacente, se a basso livello, inizio giovedì.
 
ASPETTO
 
Dopo aver raggiunto un aspetto più rilassato mercoledì - nessuna cravatta, i pulsanti superiori - Valverde era adatto e presentato per la sua presentazione. Mentre Luis Enrique era soggetto ad accessorising con un paio di formatori o che si mescolava con una scelta leggermente più creativa del costume, Valverde è molto appassionato di un aspetto più semplice e classico.
 
COSA HA DETTO
 
Ci sono molti problemi che devono essere risolti a Barcellona questa estate e Valverde è stato chiesto quasi tutti. Nonostante ciò, in qualche modo è riuscito a dire molto, senza dire molto.
 
In cima alla lista delle preoccupazioni sono le situazioni contrattuali di Lionel Messi e Andres Iniesta. Entrambi i giocatori sono fuori contratto la prossima estate, ma Valverde non sembrava preoccupato per la prospettiva di perdere uno di loro. Ha detto che tutti al club sono "ottimisti", ma il Messi rinnova e aggiunge che Iniesta, che ha recentemente girato 33 anni e lottato con lesioni in questa stagione, rimane un giocatore importante.
 
Un altro argomento continuato di dibattito al Camp Nou si concentra sulla filosofia del club e sulla promozione dei giocatori di La Masia alla prima squadra. Valverde appoggiò i sostenitori su entrambi i conteggi.
 
"So che tutti i coach precedenti hanno lavorato con il timbro di Barca, quello stile riconosciuto in tutto il mondo", ha detto dopo aver insistito che i giocatori di Barca B avrebbero avuto la possibilità se lo avessero meritato. "I fan sanno solo vedere lo stile in cui la squadra corrisponde, lo so, sono qui, devo riformattare, ma la mia idea è di andare ancora più in profondità con quel tipo di stile e di continuare a progredire".
 
Tuttavia, ha aggiunto che i sistemi non sono troppo importanti quando si preme se gioca 4-3-3 - una formazione che non è spesso usato nella sua carriera.
 
COME HA TRATTO IL MEDIA
 
«Qual è la difficoltà più grande che viene con il lavoro di Barca?» Chiese a Valverde un giornalista.
 
"Affrontare le conferenze stampa", ha scherzato in risposta.
 
Tranne forse non stava scherzando. Valverde era cortese nella sua prima conferenza stampa ufficiale come capo di Barca, ma ha mantenuto i media raccolti a portata di mano in tutto. Non è necessariamente il media che egli preoccupa, però, piuttosto il fatto che dovrà regolarmente affrontare questioni che non hanno nulla a che fare con la parte di calcio delle cose.
 
"Cercherò di mantenere qualsiasi conflitto da influenzare il lato sportivo delle cose", ha aggiunto.
 
In molti modi, però, ha un inizio di testa. Alla fine Luis Enrique ha avuto un brillante rapporto con i media - e per tutta la sua durata di tre anni - e è difficile immaginare Valverde che incontra tanti problemi.